Contributi per adattamento veicoli a disabili



Fonte

Fonte:Data:

Autore:

Trieste, 07 ottobre 2005
La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Salute e Protezione sociale Ezio Beltrame, ha approvato il regolamento per la concessione, a favore di disabili fisici, di contributi per l'acquisto e l'adattamento di veicoli per il trasporto personale e per il conseguimento dell'abilitazione alla guida.

I beneficiari del contributo sono i disabili fisici residenti in Regione o le persone conviventi che li hanno fiscalmente a carico, purché il nucleo familiare non possieda un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) superiore a 25.000,00 euro.

In caso di genitori separati o divorziati del disabile fisico, entrambi possono presentare domanda di contributo per l'acquisto e l'adattamento di due autoveicoli.

I contributi possono raggiungere, nel caso di acquisto e adattamento dei veicoli un massimo del 70% della spesa ammissibile pari a 26.000 euro (18.200 euro di contributo su una spesa di 26.000).

A regime non è previsto un termine per la presentazione delle domande. Il contributo sarà erogato con procedura automatica: un primo acconto del 50% entro 60 giorni dalla domanda, mentre il saldo sarà corrisposto entro 60 giorni dalla presentazione della fattura che documenta la spesa effettivamente sostenuta.

In fase di prima applicazione sono ammissibili a contributo anche le spese sostenute dopo l'8 febbraio 2005. In questo caso gli interessati avranno 3 mesi di tempo per presentare la domanda e la relativa fattura di spesa, dopo che il regolamento sarà entrato in vigore con la pubblicazione sul BUR.

E' un provvedimento importante e soprattutto consistente dal punto di vista finanziario - ha dichiarato l'assessore Beltrame - che ha due obiettivi principali: dare un sostegno concreto e non solo simbolico ai disabili ed inoltre semplificare la procedura per la presentazione delle domande. Beltrame ha ringraziato la Consulta regionale dei disabili, per la fattiva collaborazione dimostrata nella predisposizione del regolamento.